punti neri
Salute

Che cosa sono i punti neri e le cause della formazione

Per chi si chiede come si formano i punti neri, la risposta è semplice. Questi derivano dall’impurità della epidermide e sono formati da sebo e cellule di pelle oramai morte che si accumulano sul viso. Si presentano sotto forma di eruzione acneiforme ed il loro colore nero è dovuto all’esposizione all’aria che ne produce l’ossidazione. Nessuno è immune a questo problema.

Sebbene il fenomeno si presenti sopratutto sulle pelli grasse, anche le pelli più curate sono esposte alla formazione di punti neri, sopratutto nelle vicinanze delle ghiandole sebacee. Grande rilevanza viene anche dalle condizioni ambientali che ci circondano. In ambienti soggetti a grande inquinamento o in presenza di ripetuti ‘bagni di sole’, è più probabile la comparsa dei punti neri sulla nostra pelle. Anche l’età può giocare un ruolo fondamentale. Nonostante si manifestino in ogni fase della vita, i più colpiti sono gli adolescenti che, a causa degli sbalzi ormonali, aumentano la produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee. Il fatto di averne centinaia di migliaia sul viso di certo non aiuta.

Cosa sono le ghiandole sebacee ed il sebo

Ma cosa sono le ghiandole sebacee? Queste proteggono la pelle producendo sebo, una sorta di ‘olio’ che difende la pelle da agenti atmosferici idratando tutta la superficie. I punti del corpo più a rischio sono: il collo, la schiena e la famosa zonaT (unione tra mento, naso e fronte). Di dimensioni microscopiche, si dividono in due parti: porzione secernente che è la responsabile della produzione di sebo ed il dotto escretore che ha il compito di veicolare le sostanze grasse prodotte all’esterno. Il suo aspetto ricorda una piccola sacca dalla forma tonda.

punti neri

Il sebo non è altro che la sostanza grassa ottenuta da acidi grassi e colesterolo che, unendosi, rende la pelle morbida e idratata diminuendo la possibilità di screpolature. Una curiosità su questa sostanza è quella che gli permette di determinare l’odore della nostra pelle. Questo, in periodi ancestrali era vitale per i nostri antenati preistorici ma è andato via via scemando con l’evoluzione che ci ha portato ai giorni nostri.

Come pulire la pelle ed eliminare punti neri ed impurità

La pelle e’ l’organo che ha il compito di proteggerci dall’ambiente esterno, quindi deve essere mantenuta in buono stato, per la nostra personale sensazione di benessere e per contrastare l’arrivo di macchie e rughe. Si chiama beauty routine l’insieme delle cure e delle accortezze che possono aiutarci, se praticate quotidianamente, a mantenere la nostra pelle bene idratata e a ritardare quello che e’ l’invecchiamento cutaneo.

La beauty routine va praticata con costanza, ogni mattina, e poi ripetuta alla sera.

Al mattino, perché durante la notte la nostra pelle si rinnova, rilasciando cellule morte, che devono essere rimosse. Infatti durante le ore notturne la pelle lavora producendo sebo e sudore, quindi e’ molto importante purificarla per ottimizzare la sua funzione durante il giorno.

Alla sera, per rimuovere trucco, sudore, smog : per prima cosa, per rimuovere accuratamente il trucco, e’ consigliato usare uno struccante bi-fasico, cioè composto da una parte oleosa. Questa viene amalgamata perfettamente con il trucco, e pertanto rimuove il make up, molto delicatamente.

punti neri viso

La seconda fase prevede l’utilizzo del latte detergente, o gel detergente.

Ne basta un goccio sulle mani precedentemente inumidite e va spalmato sul viso come fosse un sapone. A differenza del sapone, pero’, il latte detergente non produce schiuma, non contiene dunque agenti aggressivi che possono danneggiare la protezione naturale di cui e’ dotata la pelle. La terza fase, e’ costituita dallo scrub, che, su pelli normali , può essere praticato settimanalmente.

Il massaggio deve essere delicato e circolare su viso, collo, e decolletè, un po’ più energico solo su naso, fronte e mento, la famosa zona T, dove la pelle rimane un po’ più spessa e più grassa, e su cui compaiono più frequentemente i fastidiosi e antiestetici punti neri.

Infine, per rimuovere i residui di scrub, possiamo utilizzare il tonico:
si può spruzzare su un batuffolo di cotone oppure direttamente sul viso, dunque  si va a massaggiare delicatamente la pelle. Un altro prodotto utile alla nostra detersione quotidiana e’ l’acqua micellare. La differenza principale fra l’acqua micellare e il tonico e’ che quest’ultimo contiene una parte alcolica, molto indicata per chi ha una pelle grassa, oleosa, ed ha pertanto bisogno di un azione astringente, mentre la prima contiene delle particelle, denominate appunto ‘Micelle’, che sono altamente idratanti e delicate, dunque perfetta per chi ha una pelle molto secca e disidratata. L’ultimo passaggio della beauty routine consiste nell’applicazione di un siero, oppure di una crema. Il siero e’ sicuramente consigliato alle donne con una pelle molto disidratata, o non più giovanissime: questo perché, a differenza della crema, ha un peso molecolare molto basso, quindi riesce a penetrare molto più in profondità rispetto ad una crema.

Ricordiamoci sempre che qualsiasi crema, anche la più cara, avrà un effetto ridotto o addirittura nullo se la nostra pelle non e’ adeguatamente detersa e idratata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.