unghie perfette
Cosmesi

Manicure perfetta con la ricostruzione unghie in gel

Da sempre sinonimo di eleganza e femminilità, negli ultimi anni le decorazioni per le unghie delle mani sono tornate alla ribalta e, al semplice smalto di una volta, si sono aggiunte infinite nuove proposte circa tonalità, texture ed opacità dei prodotti utilizzati, ma anche riguardo la lunghezza e la forma delle unghie.

Sull’onda delle mode lanciate da personaggi del mondo dello spettacolo e delle passerelle, è andata addirittura affermandosi una nuova forma di espressione artistica: la nail art. Questo termine è stato coniato per indicare quelle tecniche di decorazione dell’unghia che non si limitino a stendere uno smalto colorato, ma prevedano la realizzazione di disegni complessi e fantasie di ogni tipo, con applicazione di brillantini, vetrini variopinti, adesivi e qualunque decoro utile per creare una manicure personalizzata e davvero unica. Il successo della nail art è stato tale da portare, nel giro di pochi anni, all’istituzione di mostre, convention e competizioni ufficiali, dove artisti di alto livello si sfidano a colpi di smalto.

Insieme con la passione per la nail art, si sono diffuse anche nuove interessanti tecniche per la realizzazione di unghie artificiali. Se con le unghie finte in plastica di un tempo si otteneva un risultato poco credibile e a volte alquanto volgare, grazie alle moderne metodiche di ricostruzione della lamina ungueale è possibile ottenere un effetto molto naturale ed esteticamente valido.
gel unghie
Oggi, chiunque può sfoggiare unghie perfette, semplicemente sottoponendosi ad un trattamento della durata di un paio di ore al massimo, necessarie per la realizzazione delle decorazioni più complesse.

La ricostruzione in gel delle unghie è una metodica sempre più diffusa ed apprezzata, anche grazie al suo costo, in genere particolarmente contenuto se paragonato a quello della ricostruzione in acrilico. Tuttavia, sempre più spesso, giungono notizie contrastanti circa gli effetti di questa pratica, considerata del tutto salutare e positiva per la salute delle unghie da alcuni e bollata come “assolutamente da evitare” da altri.
In effetti, l’utilizzo della ricostruzione in gel comporta una lunga serie di vantaggi, ma anche molti svantaggi: cerchiamo di analizzare i casi in cui il ricorso a questa metodica può essere di aiuto per risolvere piccoli inconvenienti e comprendere quali effetti collaterali essa possa provocare, cominciando da una descrizione generale delle sue caratteristiche.

La tecnica delle ricostruzione in gel

Come già accennato, questo metodo prevede la realizzazione di una copertura in materiale sintetico che va a sovrapporsi all’unghia naturale, legandosi ad essa in maniera salda.
Dopo aver preparato l’unghia, trattandola con specifiche sostanze sgrassanti e rendendone la superficie ruvida e porosa con l’ausilio di una lima e di un buffer (un cubetto di materiale abrasivo), si procede con la distribuzione del gel. Questo può essere almeno di due tipologie: monofasico o trifasico. L’unica differenza sta nel fatto che il primo è un prodotto “tutto in uno”, mentre il secondo richiede l’utilizzo di un primo gel che media l’aderenza, di un gel builder per creare il corpo dell’unghia e di un fissatore come rivestimento finale.

In entrambi i casi il gel deve essere fatto solidificare. Per attivare, o più tecnicamente catalizzare, la reazione di polimerizzazione che porta questo materiale ad indurirsi, mantenendo la forma data, è necessario esporre le unghie ai raggi UV prodotti da un particolare fornetto.

Utilizzando smalti e colori in gel specifici è possibile creare una base su cui andare a realizzare qualsivoglia tipo di decorazione, proprio come se si trattasse di un’unghia naturale.

I vantaggi della ricostruzione in gel

La ricostruzione in gel è una metodica molto rapida ed economica. Per assicurarsi un risultato perfetto, è possibile rivolgersi ad una delle tante onicotecniche professioniste che lavorano presso i centri estetici o come libere professioniste.

Tuttavia, chi ama il fai-da-te e possiede un minimo di manualità, può tranquillamente realizzare una manicure perfetta in totale autonomia.

Il vantaggio principale della ricostruzione in gel è che essa consente di ottenere unghie perfette e molto resistenti. Con una sola seduta le mani saranno impeccabili per settimane, senza dover dedicare loro cure particolari o temere continuamente che il colore si sbecchi. Al più, potrà essere necessario effettuare dei piccoli ritocchi per coprire le nuove porzioni di unghia man mano che esse crescono.
Inoltre, la ricostruzione è perfetta per quelle donne che soffrono di fragilità della lamina ungueale. Dopo aver sottoposto le mani ai dovuti controlli, per assicurarsi che non siano presenti patologie particolari ed aver tentato di risolvere la situazione adottando una dieta salutare, si potrà passare alle unghie ricostruite. Stesso discorso per chi ravvisa una crescita molto lenta, per chi non riesce a liberarsi del vizio dell’onicofagia o, ancora, per chi semplicemente desidera avere mani sempre in ordine ma ha poco tempo a sua disposizione.

Grazie alla ricostruzione è possibile giocare a piacimento con la forma e la lunghezza delle unghie, cambiandole a proprio piacimento ad ogni nuovo trattamento.

Gli svantaggi della ricostruzione in gel

La ricostruzione in gel presenta anche alcuni svantaggi ed una serie di effetti collaterali più o meno gravi, la cui entità può essere ridotta rivolgendosi a professioniste serie e scrupolose.

In primis, il colore o la decorazione scelti per le unghie ricostruite non possono essere modificati se non rimuovendo completamente le coperture. Ovviamente, si tratta di un problema non indifferente per chi ama cambiare continuamente il colore dello smalto, adattandolo al look o all’umore del giorno. Molte donne sostengono che a seguito della ricostruzione, le loro unghie siano risultate molto danneggiate e indebolite. La fase di preparazione dell’unghia, come descritto in precedenza, richiede una sua leggera limatura, ma i veri problemi sono causati dal trattamento di rimozione: esso prevede l’utilizzo della lima o della fresa per eliminare completamente il gel. Molte operatrici inesperte compiono l’errore di esagerare con questo trattamento, andando ad intaccare l’unghia naturale.

In generale, sottoporre l’unghia a continue ricostruzioni contribuisce ad indebolirne progressivamente la struttura. Tra un trattamento e l’altro è buona norma lasciar trascorrere almeno un mese, per dare tempo all’unghia di respirare e rigenerarsi, facendo eventualmente ricorso solo a degli smalti rinforzanti, utili per fornire protezione e nutrimento alle lamelle stressate.

Un capitolo che certamente non va trascurato è quello relativo all’igiene. Chi si sottopone molto frequentemente alle ricostruzioni, spesso soffre di onicomicosi, ovvero di infezioni fungine delle unghie. Le cause sono essenzialmente due: da un lato l’utilizzo di strumenti non correttamente sterilizzati, che possono veicolare le spore fungine da una cliente infetta ad una sana, dall’altro, l’esecuzione di lavori poco curati che lasciano spazi tra l’unghia e il gel, creando ambienti perfetti per la crescita dei funghi.

Esistono diverse controindicazioni legate ai prodotti utilizzati nel corso della ricostruzione. È molto importante che tutti i composti impiegati siano di qualità garantita e rispettino le norme della CE (Comunità Europea), onde evitare danni legati a sostanze tossiche o allergizzanti, pericolose anche in piccole dosi.

Infine, va citato l’allarme lanciato un paio di anni fa dai dermatologi della New York School of Medicine, che studiando un campione di casi di tumore della pelle, giunsero alla conclusione che la ricostruzione delle unghie e, in particolare, l’utilizzo del fornetto UV potessero avere effetti cancerogeni.

In conclusione, è possibile affermare che la ricostruzione in gel delle unghie sia una tecnica del tutto valida e sicura, dal momento che con le giuste precauzioni è possibile scongiurare la maggior parte dei pericoli e sfoggiare una manicure invidiabile senza fare alcuna fatica. A questo proposito, sarà bene tenere a mente che i prodotti di qualità e le abilità di una vera professionista non sono mai a buon mercato ed è bene diffidare di sconti e di offerte promozionali troppo sensazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.